Homepage

Diritto allo studio: i benefici, cosa sono, come ottenerli

Il Diritto allo Studio prevede, per gli studenti meritevoli, borse di studio, assegni ed altre agevolazioniche vengono attribuite attraverso specifici concorsi

Gli Enti che tutelano il diritto allo studio e provvedono all’erogazione di benefici e sussidi sono:
1. Le Aziende regionali per il diritto allo studio ( es ADSU, ADISU, ERSU, ESU…)
Bandiscono borse di studio, gestiscono le case dello studente (alloggi a prezzi agevolati, molto più bassi di quelli di mercato), definiscono le tariffe per l’accesso alle mense universitarie, gestiscono sussidi per disabilità.
2. Le stesse Università
Offrono la possibilità di avere delle riduzioni sulle tasse universitarie, sulla base del reddito e del merito e gestiscono i concorsi per le cosiddette “150 ore”, ovvero contratti di collaborazione part-time per lavorare negli uffici e nei servizi dell’università a partire dal secondo anno di immatricoalzione

Come accedere ai benefici
Le procedure per la richiesta dei benefici prevedono l’accesso tramite bando di concorso pubblico, con modalità che variano da Ateneo ad Ateneo.
In tutti i casi è importante informarsi bene, per non lasciarsi sfuggire opportunità e date importanti!
Da fare:
- Scaricare i bandi dai siti della propria università e dell’Ente per il Diritto allo Studio di riferimento
- Ottenere l’attestazione ISEE – Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Nei siti delle Università si trovano le informazioni relative alla documentazione necessaria per il rilascio. In ogni caso è necessario rivolgersi ad un Centro di Assistenza Fiscale – CAAF
- Seguire la procedura on line prevista dagli Enti per il diritto allo studio e dagli Atenei!
Attenzione alle scadenze! Ogni specifica richiesta, posti alloggio, borsa di studio, riduzione tasse, ha date di scadenza diverse!

Link utili:
- ESU Padova: www.esu.pd.it
- ESU Verona: www.esu.vr.it
- ESU Venezia: www.esuvenezia.it
- OPERA UNIVERSITARIA di Trento: www.operauni.tn.it
- ER-GO Bologna, Ferrara, Parma, Modena e reggio Emilia: www.er-go.it
- ARDISS (Trieste e Udine): http://www.ardiss.fvg.it/
- C.I.Di.S. Milano: http://web.consorziocidis.it, per  Consorzio Interuniversitario per gli Atenei: Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Milano Bicocca, Università degli Studi dell’Insubria e IULM

Da sapere:
- i costi e i parametri per le riduzioni variano da Ateneo ad Ateneo, anche con sensibili differenze.
- chi non dichiara il reddito del nucleo famigliare (attraverso il modulo ISEE), versa la quota intera di tasse

Focus on… ISEE

Che cosè: l’ISEE è l’indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare.
L’attestato contenente l’indicatore I.S.E.E. consente ai cittadini di accedere, a condizioni agevolate, alle prestazioni sociali o ai servizi di pubblica utilità.
A chi rivolgersi per ottenerlo: il calcolo dell’ISEE può essere richiesto per via telematica direttamente all’INPS, collegandosi al sito dopo aver ottenuto il P.I.N. online, o ad un Centro di Assistenza Fiscale, CAF, (presso sindacati e associazioni di categoria, ACLI, commercialisti, o ad altri enti competenti, specificando nella richiesta che si necessita dell’ISEE per le Prestazioni per il Diritto allo Studio Universitario.

Che documenti servono:
- Stato di famiglia (o autocertificazione), cioè numero dei componenti del nucleo familare
- Redditi di tutti i componenti del nucleo familiare;
- Beni immobili (terreni e fabbricati) e mobili (c/c bancari e postali, titoli, azioni, ecc.) posseduti al 31/12 dell’anno di riferimento;
- Mutuo residuo;
- Contratto di affitto + canone di locazione;

Nel il sito web www.inps.it sezione Servizi Online -  ISEE è possibile trovare la Guida ISEE e il programma di simulazione del calcolo dell’ISEE.